Lunedì, 12 Maggio 2014 00:34

Editoriale Gennaio Aprile 2014

Vota questo articolo
(0 Voti)

Mai nostalgico, ma sempre valorizzatore del passato e attento alle istanze del presente, Punto Familia ha rilanciato la gloriosa “conferenza cittadina”.

Gloriosa (la spiegazione è per i giovani) perché c’è stato un tempo in cui a cadenza annuale vasti saloni della città venivano riempiti da un pubblico vario interessato al dibattito su temi caldi, affrontati da esperti famosi per iniziativa di Punto Familia, sempre sul crinale appassionante tra pubblico e privato. La gente accorreva, la stampa rimandava l’eco ad un pubblico ancora più ampio.

 

Altri tempi? Bei tempi andati? Oggi i talk show spopolano, le trasmissioni dibattito imperversano, le emittenti sia televisive che radiofoniche sono più che mai interattive. Perché mai la gente dovrebbe uscire una sera per ascoltare chicchessia, fosse pure un personaggio di calibro? Il Direttivo del Punto ha raccolto questa sfida e ha voluto scommettere sull’offerta di un confronto inusuale: sindaco e vescovo, le massime autorità cittadine in campo civile ed ecclesiale, a tu per tu sul tema della famiglia oggi. Oggi a Torino, oggi nella nostra parrocchia, oggi in casa nostra.

Niente tempi andati, ma una riflessione ad occhi ben aperti sulla realtà in cui siamo immersi (il resoconto della serata a pag. 10)

E la gente è venuta. La nostra gente, cioè le coppie giovani e gli amici del Punto del tempo che fu (sì, anche quelli), ma anche altri, amici di amici, persone sconosciute, incuriosite dal tema. Non è mancata l’eco mediatica: un paginone su La Stampa dell’11 febbraio a firma di Maria Teresa Martinengo, un bell’articolo su La Voce del Popolo del 16 febbraio a firma del Direttore della nostra rivista, Alberto Riccadonna.
Insomma: ci piace far da antenna per raccogliere segnali di provenienze diverse e diffondere una cultura della famiglia che ne amplifichi la bellezza e il valore. Ogni tanto abbiamo la conferma che sì, ci stiamo riuscendo, nonostante le fatiche (anche economiche: il numero che avete tra le mani esce magrolino proprio per questo motivo…).

Per questo, amici lettori, continuiamo a contare sulla vostra amicizia
e sul vostro sostegno.
Buona Pasqua di Resurrezione!

Letto 80845 volte Ultima modifica il Mercoledì, 10 Settembre 2014 11:54

2507 commenti

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.


Anti-spam: complete the task